Archivi tag: milano vichi apparecchi radio

Mivar Lero UCM 601 (Buon 2 Giugno)

festa-repubblica-2-giugno

Egregi signori : In occasione del settantesimo anno della Repubblica Italiana  ,  Moltisuoni decide di onorare tale importante ricorrenza a modo suo . E in logica coerenza col blog , lo fa con una radio costruita da uno storico marchio Italiano !

moltisuoni - mivar delo ucm 601/2

La radio  Lero UCM 601 e’ stata prodotta dalla ditta VAR  di Abbiategrasso , meglio poi conosciuta da tutti come MIVAR ( MIlano Vichi Apparecchi Radio )  nel 1959 . Dispone di FM e AM + banda VHF per la ricezione dell’audio tv ( Ad oggi , con l’avvento delle trasmissioni in digitale, risulta purtroppo muta ) . Si aggiunge poi , a quanto sopra in elenco , la comoda possibilita’ di collegare una sorgente esterna quale poteva essere un giradischi ( Con testina ceramica / piezo ) o un registratore a nastro.

Abbiategrasso alla Mivar Carlo Vichi con i cc. - Fotografo: Borsotti
Carlo Vichi – Fotografo: Borsotti

Il signor Carlo Vichi , vulcanico imprenditore ha prodotto e costruito ( Per chi non lo sapesse ) il 30 % degli apparecchi tv che gli italiani avevano in casa prima dell’avvento ( O piaga per l’industria nostrana ?) della tecnologia LCD ,nonche’ sforno’ in gran numero tutta una serie di apparecchi radio di pregevole fattura , dal design accattivamente , tipico del nostro buon gusto . Pertanto ho ritenuto corretto festeggiare questo 2 Giugno con un prodotto concepito da un azienda che ha tutto da insegnare al nostro tempo odierno . Mi piacerebbe esprimermi in maniera piu’ decisa ( Forse anche dai toni rabbiosi, visto il deprecabile andazzo delle cose in una ennesima grossa realta’ aziendale italiana ) , ma per impostazione di questo blog , voglio lasciare fuori politica e considerazioni su questi “strani giorni” per dirla con una canzone di Battiato . Le immagini dunque che vedrete poc’anzi sono del mio esemplare , ritrovato e restaurato ,con qualche breve consiglio per una fruizione moderna  . Volutamente non scendero’ questa volta nei particolari tecnici …. Ma al solito , se avrete bisogno di dritte e informazioni , c’e’ sempre il moduletto a fine pagina per i contatti   🙂  oppure il tasto a sinistra per l’e-mail…….Buona visione e buon Ponte!

 

Mivar Lero UCM 601

 

La solita “ramanzina” sulle tensioni elevate e’ doverosa : Le valvole lavorano con tensioni nell’ordine dei 250-300V in corrente continua , pertanto se non siete esperti o non avete dimestichezza con le circuitazioni a tubi , evitate di metterci le mani . Non voglio apparire presuntuoso ne tantomeno saccente , quello che Vi voglio dire e’ : Una incauta manipolazione puo’ portare conseguenze gravi e talvolta irreversibili , quindi valutate sempre se potete far da Voi o se e’ meglio affidarsi a terzi per il ripristino di tali circuitazioni ! Non mettetevi mai in situazioni di pericolo , ragionateci prima !!

moltisuoni - mivar delo ucm 601/2 - 26

moltisuoni - mivar delo ucm 601/2 - 29

moltisuoni - mivar delo ucm 601/2 - 13

moltisuoni - mivar delo ucm 601/2 - 12

moltisuoni - mivar delo ucm 601/2 - 4

moltisuoni - mivar delo ucm 601/2 - 3

E’ interessante notare la compattezza razionale di tutto il telaio radio , che ospita pure l’altoparlante per risultare agevole nelle operazioni di riparazione e/o controllo . Lo chassis si inserisce stabilmente nel mobile grazie a spine di centraggio presenti su quest’ultimo , le quali a loro volta vanno a fare scontro nel telaio radio . Due viti M4 trattengono infine il tutto in maniera definitiva .

moltisuoni - mivar delo ucm 601/2 -1

moltisuoni - mivar delo ucm 601/2 - 2

moltisuoni - mivar delo ucm 601/2 - 8

La polverosa coltre del tempo poco galantuomo …..

moltisuoni - mivar delo ucm 601/2 - 15

Secondo Voi : Il Facon di livellamento era ancora  funzionante? 😀 😀

moltisuoni - mivar delo ucm 601/2 - 31

Il foglietto sotto lo chassis e’ lo schema elettrico della radio,da avere per future referenze a portata di mano.

moltisuoni - mivar delo ucm 601/2 - 21

La famosa levetta che attuava il passaggio dalla gamma FM alla banda VHF che ospitava la portante audio  TV , permettendo cosi’ la ricezione di musica o parlato relativo al programma televisivo . E’ montata a stretto ridosso della sezione tuner costituita dalla ECC85 L’ adesivo sul mobile ricordava di controllare sempre la corretta posizione , perche’ infatti se posta a meta’ della sua corsa rendeva l’apparecchio impossibilitato a ricevere . Nel restauro di questa radio disossidatelo a dovere e controllate minuziosamente le saldature

moltisuoni - mivar delo ucm 601/2 - 32

 

Utilizzo con sorgenti esterne

moltisuoni - mivar delo ucm 601/2 - 16

Per semplificazione viene fatto uso di un autotrasformatore di alimentazione in questa radio, pertanto non esiste isolamento galvanico dalla rete . Ne consegue che il telaio , benche’ a potenziale zero volt , sia sempre giocoforza interessato dalla fase . Per poter connettere senza rischio di scosse o danneggiamenti  una sorgente esterna avete sostanzialmente a disposizione due possibili vie : La prima (Come chiaramente indicato nel retro dell’apparecchio) e’ interporre un trasformatore d’isolamento 220-220.

moltisuoni - mivar delo ucm 601/2 - 17

La seconda invece prende in considerazione l’utilizzo di un piccolo trasformatore audio d’interstadio (In questa precisa circostanza  ho utilizzato quello usato nelle piastre a cassette per modulare lo stadio “record” ) .

moltisuoni - mivar delo ucm 601/2 - 19

moltisuoni - mivar delo ucm 601/2 - 18

Questa seconda opzione ha tra l’altro il vantaggio , di poter essere direttamente integrata nella radio visto le ridotte dimensioni , senza turbare in nessun modo l’estetica . Come potete osservare nella foto sotto , se non lo utilizzate vi “beccate” la fase di rete direttamente nella vostra sorgente , il bulbetto al neon (Dal sottoscritto utilizzato impropriamente come  cercafase )  vale piu’ di mille parole !!! Le odierne delicate elettroniche potrebbero uscirne -offese- da tale “spiffero” di rete …. Ma non solo loro….. 🙂 🙂

moltisuoni - mivar delo ucm 601/2 - 22

Oltretutto rimarrete stupiti dalla piacevole qualita’ di riproduzione ; Merito sicuramente della UL84 (Che e’ poi del tutto identica alla EL84 eccezion fatta della tensione filamento)  , ma soprattutto del trasformatore e altoparlante (Diametro 100mm) in alnico di buona qualita’ . Come ho avuto modo di ribadire in altre occasioni , scoprirete come 2 watt in abbinamento ad un altoparlante efficiente sappiano fare la voce grossa  🙂

 

Un caro saluto a tutti …. Andrea Moltisuoni

 

NOTA BENE:

I TESTI e LE FOTO PRESENTI SUL SITO SONO PROPRIETA’ INTELLETTUALE RISERVATA … Ogni utilizzo a sproposito sarà perseguibile secondo legislatura vigente.

 

Link per saperne di piu’ sull’argomento:

 

 

 

 

https://it.wikipedia.org/wiki/Mivar

 

http://www.mivar.it/

 

http://www.radiomuseum.org/r/mivar_delo_ucm_6012_ucm6012.html

 

https://it.wikipedia.org/wiki/Carlo_Vichi

 

 

Disclaimer: Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge N°62 del 07/03/2001. Alcune immagini sono tratte da internet, ma se il loro uso violasse diritti d’autore, lo si comunichi all’autore del blog che provvederà alla loro pronta rimozione. L’autore dichiara di non essere responsabile dei commenti lasciati nei post. Eventuali commenti dei lettori, lesivi dell’immagine o dell’onorabilità di persone terze, il cui contenuto fosse ritenuto non idoneo alla pubblicazione verranno rimossi.