Archivi tag: EL84

Hornyphon Souveran 61

Sulla breccia estiva un altro bel sintoamplificatore Fm  in veste di radio d’epoca . Devo essere sincero: Nutro una certa passione per questo confine….Dove la radio d’epoca si trasforma in apparecchiatura Hi-Fi mantenendo tuttavia canoni estetici tipici .

 

Questa sinto-radio veniva costruito da due ditte dell’Est Europa nei primi anni ’60 (Horny Radio e Verdik)  su licenza Philips , infatti tecnicamente risulta essere identica alla Philips Premiere 61  eccezion fatta per diverse caratterizzazioni di natura estetica nel mobile di legno e nelle griglie altoparlanti .

Sulla carta abbiamo un sintonizzatore supereterodina a 5 valvole con doppia scala sintonizzatrice contornato da un ottimo stadio finale sviluppato attorno a due EL84 in single ended altrettanto ben servite da una coppia di doppio-cono Philips serie ottagonale .

Completa il bel quadretto  poc’anzi descritto , lo stadio alimentatore misto induttivo / resistivo su cui a monte troneggia una bella EZ81…..e l’immancabile occhio magico per un totale di ben 9 valvole . Non da meno ,molte raffinate soluzioni meccaniche per attuare tutte le funzioni di cui è dotato questo ricevitore (cito i cavi bowden tra tutti) …. Valeva quindi  sicuramente la pena scriverci dietro qualcosa 🙂

 

Uno sguardo alle scelte progettuali elettro-meccaniche della Hornyphon Souveran 61

 

Il set-up ricevente è tipico dell’epoca ,troviamo infatti due front-end separati per FM e OM – OL -OC . Nel primo la soluzione di accordo sintonia è a nucleo magnetico permeabile , mentre per le restanti gamme d’onda si ricorre al più classico condensatore variabile . Adeguatamente demoltiplicati , e comandati a mezzo cordina + carrucole , entrambi fanno capo ad un unico comando meccanico dove spicca la prima chicca : Una presa di forza “mobile” azionata da un riinvio a cavo bowden posto sulla tastiera selettrice.

In pratica a seconda della gamma radio prescelta sulla tastiera, questo cavo azionava due distinte pulegge spostandosi assialmente su di esse  . Questo permetteva di avere quindi due indici sulla scala parlante e un unico comando.

La sezione Fm concentra nella ECC 85 le funzioni di oscillatore e mixer-amplificatore AF accordato  . L’uscita di tale stadio viene accomodata all’ingresso degli altri stadi successivi (tra poco descritti) per l’opportuna rivelazione ed amplificazione in tensione.

Le sezioni OM-OL-OC invece sfruttano il collaudato trio formato dalle arcinote   ECH 81 – EF183 – EABC 80 in unione a convenienti stadi L – C di accordo selezionati a tastiera : Anche qui la commutazione delle varie bobine sulla sezione AF avveniva mediante due commutatori multivia a slitta azionati da altrettanti cavi Bowden facenti capolino ai tasti di selezione….Tanto per non dire mai che alla Philips  non erano capaci a progettare 😀

L’antenna OM-OL-OC poteva essere selezionata tra Interna / Esterna anche stavolta grazie a eleganti scelte meccaniche .

Coassialmente al comando di sintonia principale troviamo infatti un comando che potrei chiamare, di “sintonia fine”, anche se non è poi del tutto appropriato definirlo così . Era infatti tipico negli apparecchi di classe in quell’epoca , trovare antenne OM rotanti ( Questo escamotage permetteva la discriminazione in maniera selettiva dei disturbi radio rispetto al segnale trasmesso senza dover ruotare la radio sul suo asse come avveniva in passato )  .

Una camma presente alla base del “Ferroceptor” (Questo il suo nome corretto) azionava a sua volta un deviatore che escludeva la ferrite interna in favore di un dipolo esterno …. In Olanda avevano a cuore le cose precise e complicate, scalzando agli svizzeri questo primato!

Il tuner veniva arricchito da un occhio magico EM84 per avere una interfaccia uomo-macchina circa l’intensità del segnale captato.

Faccio notare la presenza di una uscita preamplificata dedicata alla possibilità di collegare un registratore a nastro per incidere le trasmissioni ricevute .

 

Stadio finale

Un classicone della EL84 : Collegata in single ended e connessa a pentodo puro , il quale eroga circa 2,5 watt continui per canale contando su due trasformatorini ben costruiti dalla Philips …Qui sotto in compagnia del nuovo elettrolitico di filtro da 50+100+100 uF 385V

La parte di preamplificazione è curiosamente insolita : Assegnata alla una sezione triodo di EABC 80 per il canale sinistro e ad una EBC 81 per il segnale destro (Che è poi la copia conforme del triodo incorporato nella EABC 80) .

I controlli di tonalità acustica sono asserviti in maniera mista :  Intervenendo sull’anello di controreazione dello stadio finale per quanto riguarda l’intervento dei toni gravi …

Il dosaggio dei toni acuti è invece appannaggio di modifiche sulla banda passante del segnale audio applicato all’ingresso , come si evince dai rettangoli verdi qua sotto! Immancabile la presenza di una presa fisiologica sulla corsa del volume , a mò di loudness , per rendere più corposo l’ascolto ai moderati volumi di ascolto (rettangoli rossi sullo schema elettrico) . Una nota ,infine, circa la possibilità di escludere l’intervento dei controlli di tono mediante l tasti “Mixer bass – hohen”…Precursore di 20 anni  del tasto “direct” di molti amplificatori

Il registro sonoro della radio poteva contare ,oltre ai filtri poc’anzi accennati, anche a 2+2 preselezioni a tastiera aventi funzione di esaltare (almeno le intenzioni erano quelle 😉 ) un determinato programma musicale

Coassialmente al controllo volume , troviamo per ultimo il comando del  “Balance” responsabile del bilanciamento canali .

Non poteva mancare anche qui il fiore all’occhiello non scevro da difficolta realizzative : Una rappresentazione visuale dello “zero” relativo al perfetto bilanciamento.

Mosso da due carrucole e altri due Bowden , l’alberino del potenziometro fa capo ad una ruota dentata su cui fa cremaliera un filtro ottico (Debitamente retroilluminato ) a due colori divisi diagonalmente da un sottile profilo bianco  .

Questo permetteva di farsi un’idea di quando gli amplificatori lavoravano equalmente, contribuendo al contempo ad arricchire la “palette” di curiosità che attorniano questo ricevitore poliedrico .

Gli altoparlanti (Philips AD3700) presenti nella Hornyphon Souveran 61 sono tutt’oggi appannaggio di molti appassionati di autocostruzione diffusori legata al mondo dei valvolari. Molto sensibili ( Col mio “”orecchiometro”” oltre 90dB di efficienza almeno) coprono egregiamente lo spettro audio con un brio sconosciuto a molti monovia moderni. Hanno magnete in Alnico e un diametro utile di cono intorno ai 150mm pertanto anche i toni gravi hanno la loro giustizia nella riproduzione del programma musicale. Il generoso mobile della radio contribuisce favorevolmente nel metterli a proprio agio !

Anomalie , noie e fastidi vari …..

Prima di procedere oltre, vi ricordo sempre di porre la massima attenzione : Noisamente ridico e riscrivo per la 101esima volta che gli apparecchi valvolari “viaggiano” con tensioni interne elevate, prossime  in questa circostanza ai 300 Volt in corrente continua dunque potenzialmente letali per animali e persone . Prendete sempre tutte le distanze necessarie affinché non vi siano pericoli per Voi e i Vostri cari !!!!

Difficilmente una radio usata ( Oppure mai ser-viziata) con più di mezzo secolo funzionerà bene al primo ascolto….Anzi guardatevene sempre bene prima di collegarla alla rete perché qualche elettrolitico “scontroso” vi potrebbe scoppiare inzozzandovi di isolante dielettrico mezza radio . Questa in mio possesso oltretutto pativa diversi lustri di letargo in qualche scantinato della bassa Olandese ed era arrivata a me mezza distrutta causa imballo ridicolo , provarla preliminarmente avrebbe avuto poco senso .

Senza soffermarmi troppo nel dire che tutte le capacità (sia elettrolitiche ,sia ceramiche/micacee) erano praticamente “morte” o di parecchio fuori valore nominale …..

Ho riscontrato l’insolita anomalia nella  interruzione delle piste di molti potenziometri come da foto (!)

E’ una situazione abbastanza rara, perché questi componenti solitamente patiscono solo il fermo-azione ….Ma generalmente anche i più ossidati con buona pazienza tornano a rivivere . Di interrotti son sincero è uno dei primi casi in molti anni . Sotto potete osservare la pista chiaramente assente su uno del trio “difettosi”

Sostituirli non è un grosso problema fintanto non fate i conti con quelli aventi alberino lungo . Non se ne trovano più in giro (Soprattutto oltre il valore tabù 500kΩ) e quei pochi vengono venduti a peso d’oro perché odiernamente vengono relegati al mondo dell’ elite valvolare …. Anche le mie riserve sono agli sgoccioli  🙁  dovrò sperare di rintracciarne alcuni in qualche fiera !

Qualche altro fastidio me l’hanno provocato gli zoccoli delle finali, che essendo “cotti” ,di bachelite (e decisamente economici made in Philips) tendevano a generare scariche tra i reofori durante i transitori . Sostituiti immediatamente con due ceramici , i problemi si sono tacitati prontamente ….

Uno dei due riinvi /demoltiplica a cordina era usurato , si è pertanto reso necessario il cambio con una odierna cavettatura in Nylon da 1mm . Allego lo schema del giro corretto cordina per praticità di chi si troverà ad affrontare una delle “12 fatiche di Asterix” … Qui la pazienza umana trova il suo benchmark ideale …

Le valvole presenti facevano ancora la loro onesta parte , eccezion fatta per la EZ81 e la EABC 80 , infatti , il giudizio del mio severissimo provavalvole -Mercurio- decretava come “stanco” il loro operato 🙂 . L’occhio magico era superfluo menzionarlo….Essendo “cinquantino” la sua luminosità era al tramonto….

In totale quindi solo 3 tubi sostituiti e qualche lampadina …. Tutti contenti , nessun salasso al bilancio familiare !

Rivisto in parte il caotico cablaggio interno, ho preferito upgradare con RG174 tutti i transiti di segnale debole visto la fattura discutibile dei cavetti coassiali utilizzati all’epoca….Nell’ottica del riordino prevedete il passaggio qualitativo relativo al cavo di rete . Un buon 3 x 0.75 garantirà sicurezza e ascolti maggiormente selettivi ( La presa di terra aumenta sempre il coefficiente di segnale ricevuto in antenna , quindi ha più di una ragione il fare questa modifica 😉 ) . Utilizzando oltretutto uno dei recenti cavi “tessili”  coadiuvato da una opportuna presa sarà il ” tocco d’antan ” alla vostra radio , sinonimo di un restauro meticoloso e bello a vedersi

Le parti in ottone e le manopole ( Nel mio esemplare non originali benché carine esteticamente … Credo siano di provenienza Grundig )  dovranno essere ripulite dagli anni di sudiciume .

Merita la solita attenzione dedicata alla scala parlante…. Spolveratela solamente se potete , e fate attenzione anche all’acqua : Molte serigrafie se invecchiate o secche possono esser cancellate in un sol colpo!

Evito a piè pari il restauro del mobile essendo un argomento “borderline” e abbastanza complesso se eseguito con tutti i crismi . L’unico consiglio in questa direzione è quella di preferire una Souveran in buono stato estetico spendendoci magari qualche soldo in più anche se da revisionare completamente…..Discorso differente se avete parenti o amici “impelagati” nella sfera della falegnameria  !

 

Considerazioni finali :

 

Chi è appassionato di radio d’epoca non avrà bisogno di sentirsi tessere lodi sulle potenzialità della Hornyphon Souveran 61 perché molto probabilmente ne sarà ben conscio senza le mie proselie .

Queste poche righe sono rivolte a chi non ne ha mai posseduto uno e si vuole levare lo sfizio perché fortemente incuriosito da quanto si vede o si legge nella rete . Sono scoperte piacevoli…Per un tot di fattori appagati ; Dalla riproduzione acustica di qualità , per passare al fattore “arredo” e concludendo per l’alta qualità manufatturiera nonché unica ,cose che non torneranno più ahimè . E vero non si possono definire del tutto Hi-Fi (almeno questa in particolare) ,ma il suono riprodotto è davvero gradevole e mai affaticante. Difficile poter fare paragoni con oggetti odierni, sembra comunque che quasi 60 anni abbiano marcato poco il confine di queste apparecchiature che nascevano di fatto in un periodo d’albore per quello che sarebbe poi stata la riproduzione audio di qualità

Questo genere di radio hanno oltretutto la possibilità di collegarci (all’ingresso fonografo) apparecchi di moderna estrazione quali Pc , lettori Mp3 e cellulari per sfruttare le proprie playlist musicali , riprodotte in un ruggente suono stereofonico al solo impegno di costruirgli un cavetto di connessione ad hoc .

In particolare la Hornyphon è succulenta per l’insolita presenza di comandi e caratteristiche che la scorporano dalle molte in circolazione . Non per ultimo sottolineo la possibilità  (visto lo stadio finale stereo) di arricchirla  , un domani , di un decoder Fm Stereo…..Il mio esemplare ne è al momento sprovvisto ma sto accarezzando l’idea…..Ultima foto dedicata alla “spazzatura” come mio consueto rituale dopo un restauro 🙂

Si conclude anche questa volta , pronti al prossimo progettino! Rimango come sempre disponibile per delucidazioni in merito usando l’apposito tasto “vuoi contattarmi” posto sulla sinistra del desktop.

 

Un caro saluto “estivo” !

Andrea Moltisuoni

 


 

NOTA BENE:

I TESTI e LE FOTO PRESENTI SUL SITO SONO PROPRIETA’ INTELLETTUALE RISERVATA … Ogni utilizzo a sproposito sarà perseguibile secondo legislatura vigente.

 


Link per saperne di più sull’argomento:

 

http://www.radiomuseum.org/r/hornyphon_souveraen_w671a_w_671_a.html

 

http://www.hifi-forum.de/viewthread-84-24716.html

 

http://www.radiomuseum.org/r/philips_premiere_61_b6a04a.html

 

http://ev.stiftswiese.at/web/1102_Philips/Philips_Premiere61.htm

 


Disclaimer: Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge N°62 del 07/03/2001. Alcune immagini sono tratte da internet, ma se il loro uso violasse diritti d’autore, lo si comunichi all’autore del blog che provvederà alla loro pronta rimozione. L’autore dichiara di non essere responsabile dei commenti lasciati nei post. Eventuali commenti dei lettori, lesivi dell’immagine o dell’onorabilità di persone terze, il cui contenuto fosse ritenuto non idoneo alla pubblicazione verranno rimossi.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Steelphon Phantom

moltisuoni - steelphon phantom 03

Ritorniamo a parlare di valvole…. E che ritorno signori cari ! Qua come avrete modo di leggere e vedere nel breve , ci sarà a che fare con un ottima testata tutta concepita e realizzata in Italia dall’ingegner Ferrarotti . Un prodotto maturo a tutto tondo, con un carattere distintivo e  prerogative tali da non renderla obsoleta a distanza di oltre 45 anni dal suo debutto sul mercato .

moltisuoni - steelphon phantom 04

moltisuoni - steelphon phantom 03

Un mio caro amico di adolescenza è riuscito a rintracciarne una ferma da almeno una 20ina di anni in qualche scantinato genovese . La mossa successiva era capire in quali condizioni versasse . Ci vediamo quindi nel pomeriggio di questo febbraio appena passato e me lo porto a casa, con la solita curiosità di poterci mettere al più presto le mani….

moltisuoni - steelphon phantom 02

Lo Steelphon Phantom è una “testata” totalmente valvolare , dotata al suo interno di :  Riverbero , vibrato e distorsore incorporato. Possiede due coppie di canali di cui uno prioritario (Channel 1) in termini di pulizia sonora (Potendo contare sul tragitto più breve del segnale) . Il cuore dello stadio finale fa cardine per ultimo  , su un briosissimo quartetto di  EL84 configurate in push pull parallelo , per una potenza nominale di oltre 30 Watt

moltisuoni - steelphon phantom 22222

Qui le vedete nella loro polverosa livrea fresche di letargo! Assemblata totalmente in Italia ad inizio anni settanta , ha scelte e costruzione dettate dalla versatilità e robustezza d’uso . Al suo interno ogni stadio è a sè stante , cablato manualmente  come si faceva all’epoca , utilizzando oltretutto cavi di qualità (Con isolante in silicone….una verà novizia!) . Il suo notevole peso (13Kg)  rende sicuramente giustizia alla  qualità costruttiva, specialmente per quanto concerne il dimensionamento dei trasformatori

moltisuoni - steelphon phantom 88888

Va ricordato che è corretto valutarlo  in un ottica di prodotto nato come alternativa abbordabile ai mostri sacri statunitensi, quindi con un occhio alla qualità e uno al portafogli in piena austerity anni ’70  . Ma nonostante gli inevitabili compromessi ha stoffa da vendere  …..

moltisuoni - steelphon phantom 01

Come c’era da aspettarsi , una volta aperto noto subito i condensatori di filtro in perdità ( I condensatori della Facon non si smentiscono mai…..) e nel sotto dell’apparecchio si osservano gli anni di fermo dove l’ossidazione in certi punti ha raggiunto pure gli zoccoli delle finali . Non sono cose drammatiche…Molti apparecchi con quasi 45 anni presentano bene o male queste problematiche . Di lavoro c’è ne da svolgere ma è recuperabile al 100% . Ulteriore vantaggio come ribadito in altre occasioni, è quello di essere arrivato ai giorni d’oggi intonso senza che nessuno l’abbia snaturato negli anni passati con modifiche personali e rattoppi di ogni sorta .

moltisuoni - steelphon phantom 00

moltisuoni - steelphon phantom 77777

moltisuoni - steelphon phantom 44

Principio di funzionamento

 

Prenderò a riferimento lo schema dello Steelphon mod. Pioneer (Trovato in rete e ridisegnato ottimamente da un certo sig. Valmer che ringrazio per il suo certosino lavoro) essendo grossomodo identico allo Steelphon Phantom eccezion fatta per particolari minori (Ndr: Interruttore di stand-by e selettore impedenza)

moltisuoni - steelphon phantom schema Valmer

I due doppi (2+2 parelleli) canali d’ingresso fanno capo ad altrettanti identici stadi amplificatrici ,completi di controllo bassi/acuti/bright (Quest’ultimo esalta l’estremo acuto del segnale)  costruiti attorno a due triodi ECC83 . Sotto si può intravedere una delle due schede prima e dopo la cura

moltisuoni - steelphon phantom 4444

moltisuoni - steelphon phantom 5555

L’uscita della coppia di preamplificatori fa poi capo rispettivamente : Per il –channel1- Al riverbero con la possibilità di esclusione tramite un deviatore bypass per avere una sorta di canale prioritario in termini qualitativi . Per il –channel 2- : Al circuito distorsore (BEND) disinseribile anche qui mediante un deviatore . La differenza però rispetto al canale prioritario 1 consiste nell’essere vincolato  al riverbero / vibrato in maniera permanente ; Infatti solo l’attenuazione del relativo potenziometro esclude totalmente gli effetti quindi da qui il leggero degrado di segnale . Le uscite di questi stadi , (Riverbero + vibrato e distorsore) fanno , in ultima battua, finalmente il loro ingresso  nell’amplificatore finale ; Qui un ottimo quartetto di EL 84 pilotate dal driver/sfasatore ECC81 ,nel più puro degli schemi Williamson, riversano oltre 30 watt nominali nel trasformatore d’uscita . Una delle tante peculiarità che testimonia la buona progettazione di questa testata è la presenza di due trimmer-reostati nello stadio finale per regolare sia il bias delle 4 valvole finali ,sia il loro bilanciamento visto ai capi del pushpull a valle dello sfasatore…è un’attenzione più facile da trovare su finali domestici rispetto che su applicazioni professionali.

Il riverbero / vibrato : Come funziona…..

moltisuoni - steelphon phantom 33333

Viene inpiegata una unità a molle come era rigore dell’epoca. Costruita dall’americana Hammond (Quella dei famosi organi con altoparlanti rotanti) sfrutta il principio della trasmissione meccano-sonora prodotto da due avvolgimenti (Uno trasmittente e uno ricevente/pick up) correlati l’uno all’altro per l’appunto da molle .

moltisuoni - steelphon phantom 11111

L’avvolgimento trasmettitore viene eccitato da uno stadio di “potenza” basato sul triodo-pentodo ECL86 contornato da alcuni filtri passivi per modificare entro certi limiti le caratteristiche dell’eco . Una volta applicato all’ingresso dell’unita di riverbero , il trasduttore vibra mettendo in risonanza le molle presenti al suo capo.

moltisuoni - steelphon phantom 99999

Dall’altra parte questa vibrazione viene captata (Addizionata dalla risonanza dovuta alle molle) dal pick-up di ricezione e viene quindi amplificata da un triodo ECC83. A mezzo di un potenziomente si dosa l’intervento sul segnale esistente creando una sorta di eco/riverbero del programma musicale.

moltisuoni - steelphon phantom 777

A costola di questa circuitazione troviamo il “vibrato” . Questa è una funzione di attenuazione-esaltazione periodica dell’amplificazione . All’epoca il metodo convenzionale per creare tale effetto era  modulare il guadagno di uno stadio amplificatore mediante una fotoresistenza (LDR) accoppiata ad una lampadina in una camera oscura . La lampadina a sua volta era pilotata da un oscillatore a cadenza variabile, che la faceva lampeggiare più o meno velocemente a seconda di quanto impostato. In questo modo la “LDR” variava appunto la sua resistenza interna modificando l’anello di  guadagno del circuito amplificatore restituendo quindi in soldoni un segnale di ampiezza “tremolante” .  L’intervento del vibrato poteva infine essere  gestito  anche in remoto sostituendo il “tappo” con un pedale .

presa vibrato steelphon phantom - moltisuoni

 

moltisuoni - steelphon phantom 013

Un paio di controlli passivi definiscono per ultimo la velocità / profondità del segnale trattato .

 

Lo stadio distorsore

moltisuoni - steelphon phantom 8888

E’ la forma più classica . Due diodi, uno per semionda , tosano brutalmente il segnale  nella maglia amplificatrice della ECC83 donando un suono “saturato al limite”.  Una serie di filtri passa alto accentuano maggiormente la sensazione del clipping…La scheda BEND ospita e condivide l’amplificazione del riverbero…Qua sopra la potete osservare nel bel mezzo del “refurbishment”

Cosa e come ripristinare:

 

Al solito ,prima di entrare nel vivo, la dovuta raccomandazione :

I valvolari hanno tensioni interne molto elevate (>450 volt) potenzialmente letali per animali e persone. In ragione di ciò modifiche ,riparazioni,controlli e quanto di altro devono essere messi in pratica solo da chi ha una solida conoscenza dell’argomento. Si rischia di peccare e apparire presuntuosi, ma una qualsiasi operazione svolta senza sapere cosa si sta facendo rischia di divenire irreversibile nelle conseguenze.

Pertanto siate sempre obiettivi verso Voi stessi prima di procedere…e fatta questa necessaria premessa iniziamo un pò a vedere come riportare in vita questo “pezzo di storia” .

moltisuoni - steelphon phantom 00000

In via preliminare si controlleranno tutte le valvole (Per far questo occorrerà per forza un provavalvole ad emissione) annotandosi con cura le varie posizioni delle medesime , soprattutto delle finali. Questo perchè la loro usura dipende dai punti di lavoro delle schede.

moltisuoni - steelphon phantom 1

Successivamente come seconda operazione preliminare sarà la volta dei due trasformatori . Per quello di alimentazione si dovranno verificare le tensioni presenti ai secondari ( 300  volt anodica  – 40 volt bias – 6,5 volt per i filamenti).

moltisuoni - steelphon phantom 07

Per tutti questi valori ritengo normale osservare un 10-15% di scarto ± rispetto allo schema elettrico…. A riguardo invece di quello d’uscita si verificheranno le impedenze primario/secondario mediante un multimetro ( 5+5 Kohm primario – 6 ohm secondario) .

moltisuoni - steelphon phantom 08

Avendo ora la certezza della bontà dei due trasformatori è lecito procedere oltre senza aver timore di spendere tempo e soldi per niente….Come si accennava , si deve procedere alla sostituzione di tutti i condensatori elettrolitici, estendendo il controllo (Mediante un capacimetro) anche a tutte le capacità ceramiche presenti ; Il calore misto all’umidità dello stoccaggio negli anni d’inutilizzo potrebbero aver falsato il loro corretto funzionamento . Il rimpiazzo con equivalenti in poliestere è doveroso se ambite ad avere una testata performante e affidabile!

moltisuoni - steelphon phantom 7777

Per gli elettrolitici usate componenti di marche note …Elna, Nippon Chemicon, Rubycon,ERO, Sanyo tanto per citare le solite….Detto in breve? Evitate le cineserie ….

moltisuoni - steelphon phantom 06

Nello stadio di alimentazione , punto cruciale di ogni apparecchio , conviene sostituire i 4 diodi “anodici” con un ponte integrato. Le correnti in gioco sono di circa 300mA ,però in ragione delle molteplici capacità di filtro presenti , vi converrà metterne uno almeno da 3A ,  idoneo cioè sopportare picchi dieci volte maggiori … Questo risulta necessario per via del fatto che, per poche frazioni di secondi ,una capacità scarica è vista al pari di un cortocircuito dal ponte raddrizzatore .

moltisuoni - steelphon phantom 77

Stessa sorte per l’unico diodo adibito a raddrizzare negativamente la tensione destinata al bias per le finali….un moderno 1N4007 con un piccolo condensatore in parallelo (Atto a smorzare le commutazioni) sarà garanzia di bias precisi e silenziosi nelle finali .

moltisuoni - steelphon phantom 88

Se avete sott’occhio lo schema avrete sicuramente notato come  tutte i voltaggi per le varie schede siano ricavate in cascata da un certo numero di pi-greco resistivi….Verificate ordunque in questo senso, che tali resistori siano ancora  in perfetta efficienza e nelle giuste tolleranze ohmiche . Utile prevedere l’aumento  dello scambio convettivo di quelle soggette a maggior carico di lavoro…come da foto sottostanti.

moltisuoni - steelphon phantom 99

moltisuoni - steelphon phantom 222

moltisuoni - steelphon phantom 111

Le quattro capacità anodiche responsabili dei vari livellamenti  dovranno necessariamente avere tensione nominale di 400 volt lavoro. Si parla invece di almeno 500Volt nominali peril condensatore subito a valle del ponte raddrizzatore : Quando l’apparecchio è in stand-by , risulta essere l’unica capacità sempre interessata dalla tensione anodica , che assume valori  di circa ben 460 volt a vuoto. Per ovviare all’esborso di condensatori HT , si può ottimamente risolvere ponendo due capacità identiche in parallelo da 250 volt lavoro ,abbinandole ad altrettanti resistori di equalizzazione affinchè la tensione ai loro capi risulti identica grossomodo. Non servono capacità mostruose in quanto è un primo grossolano livellamento anodico…Ricordatevi che in serie le capacità  si dimezzano !!

moltisuoni - steelphon phantom 00

Il condensatore al poliestere in parallelo al secondario “anodico” dovrà avere valore di 0.33uF e almeno 630volt lavoro,il suo scopo è sopprimere i residui transienti e commutazioni provenienti dalla linea elettrica. Qui sotto lo vedere col suo circuito stampato ad hoc.

moltisuoni - steelphon phantom 05

Merita una rigorosa verifica funzionale  anche  il “fotocoupler” del riverbero/vibrato . Come spiegato prima, l’effetto fa cardine sull’amplificazione variabile data dalla luce pulsante di una lampadina che eccita direttamente una opportuna fotoresistenza . E’ intuibile dunque che si dovrà scrupolosamente accertare il buon funzionamento del bulbetto al neon, pena il certo malfunzionamento del vibrato. Tale lampadina con circa 65/70 volt continui deve presentare una brillante luminosità come da foto.

moltisuoni - steelphon phantom 888

moltisuoni - steelphon phantom 2222

moltisuoni - steelphon phantom 1111

moltisuoni - steelphon phantom 999

Una volta appurato il corretto funzionamento si dovrà ripristinare la schermatura (Camera oscura) verso la luce esterna come da prime foto, in maniera che il fotoresistore risponda solo alle sollecitazioni luminose della lampadina e non sia influenzato da fonti luminose esterne . A questo punto mi sembra doveroso  spendere due parole per i reostati  / trimmer : Se sono in buone condizioni (Non ossidati o rovinati) lasciateli in loco pulendoli solo con del puliscicontatti in unione ad una soffiata d’aria compressa .

moltisuoni - steelphon phantom 22

moltisuoni - steelphon phantom 9996

moltisuoni - steelphon phantom 321

Sono elementi oggigiorno di difficile reperibilità , per valore ohmico e per potenza dissipante .Quelli presenti sopportano almeno 2,5 watt e sono in filo  avvolto …. Un trimmer qualunque con piste in cermet sopporta al massimo ½ watt e le conseguenze ve le immaginate . Se irrimediabilmente compromessi cercate di trovarne altri similari estendendo le vostre ricerche anche ai rari ex-riparatori TV delle vostre zone … Nei vecchi tv a CRT erano spesso impiegati nella deflessione

moltisuoni - steelphon phantom 852

In tema attiguo spendo alcune righe  a favore delle resistenze ,  meritevoli di un discorso a parte. Partendo dalla genesi ci sono in ragione differenti scuole di pensiero nel restaurare un vecchio apparecchio di 40/50 anni fà…Ciò non toglie che quasi tutti gli “addetti ai lavori” all’unisono  son concordi nel lasciare le resistenze al loro posto se in ordine e non deteriorate da calore o altro. Il perchè vien presto detto : Anni fa , quando andava bene , le tolleranze delle componentistiche resistive erano nell’ordine di un buon 10-30%…. Colui che all’epoca progettava una qualsivoglia circuitazione era ben conscio di ciò , e sceglieva punti di lavoro tenendo a mente questo particolare tutt’altro che trascurabile . Succede invece che al giorno d’oggi le attuali resistenze sono molto più precise….Al massimo scarto si possono avere discostamenti nell’ordine del 2-5% dal valore nominale per componenti non di precisione . Questo va inesorabilmente ( Specie quando in presenza di molti stadi in successione) , a modificare i punti di lavoro originari….Da qui nascono poi gli inspiegabili cali di rendimento che alcune volte deludono tecnici speranzosi di avere tra le mani un apparecchio più performante di quando costruito da casa madre . A volte le realtà appaiono bizzarre : Uno sostituisce quasi tutto con materiali di pregio e va peggio di prima…o magari si perde quel “suono” vintage …oppure ancora ci si ritrova con un apparecchio che “strappa” . Non date la colpa ai componenti di nuova fattura…Sono il più delle volte i valori di lavoro che sono cambiati rispetto a prima ! Cercare di trovare nuovamente il giusto  equilibrio timbrico può diventare un ardua impresa , di pazienza e non per ultimo di fortuna (Leggasi sperimentazione).

Terminato tutto il controllo e l’aggiornamento delle varie schede , sarà il momento di potenziometri e jack d’ingresso . Se potete,  disossidate e ripristinate i primi … Qualora le condizioni non permettano un solido ripristino procedete con i componenti nuovi , di qualità all’altezza!

moltisuoni - steelphon phantom 10

moltisuoni - steelphon phantom 05

Concludo tutta questa proselia con le molle ammortizzatrici dell’unità riverbero. Bisogna accertarsi siano in buone condizioni;  Se notate snervature o vistosi sbilanciamenti cambiatele tutte e quattro. Hanno una funzione antagonista e disaccoppiano dai rumori captati che inevitabilmente innescherebbero effetti larsen.

moltisuoni - steelphon phantom 012

Consigliabile fissare in modo solido i cavetti che collegano l’unità Hammond, per evitare la possibilità che forti vibrazioni invalidino un domani i collegamenti

moltisuoni - steelphon phantom 033

Upgrade consigliati e qualche trucco:

 

Gli zoccoli Noval delle valvole sono i primi componenti che per tipologia di funzionamento possono creare falsi contatti. Verificarli e sostituirli è tappa doverosa se volete un apparecchio affidabile nel tempo. In pieno argomento prestate attenzione agli zoccoli cinesi…Quelli in ceramica tutti belli coi pin dorati da 2€ tendono specie col calore di valvole finali “calienti” a deformare talvolta i reofori …La foto sottostante vi rende l’idea dell’abisso qualitativo tra uno fatto bene e uno di frettolosa produzione odierna.

moltisuoni - zoccolo noval

Di conseguenza il difetto poco fa accennato si traduce in contatti  “ballerini” … E via alle danze , iniziano gli schiocchi sui coni !!! Spendere due soldi in più per zoccoli Amphenol  è sempre garanzia di un buon investimento …. Se trovate materiale NOS su internet o nelle fiere ancora meglio! Nelle foto a venire potete apprezzare  l’invalidazione di alcuni punti di saldatura , dovuto principalmente al trasferimento termico : Pin valvola-zoccolo-circuito stampato.

moltisuoni - steelphon phantom 66

moltisuoni - steelphon phantom11

Sopra si può apprezzare : il “prima” …. E sotto : il “dopo” cura 🙂

moltisuoni - steelphon phantom 6

Anche se potrà apparire blasfemo , consiglio la sostituzione delle due lampadine spia con altrettanti diodi led colorati.

moltisuoni - steelphon phantom

Questo perchè sono insensibili a colpi e/o forti vibrazioni , non scaldano (Cuocendosi fra di loro) e durano quanto -se non più- della vita di un comune mortale …

moltisuoni - steelphon phantom 01

Nell’esemplare in questione ho approntato due piccoli circuiti stampati per accoglierli e alimentarli correttamente (Prendono tensione dai filamenti in alternata delle valvole , pertanto si rende necessario un minimo di raddrizzatura e filtraggio )

moltisuoni - steelphon phantom 000

Ricordatevi : Quello blu (illuminante la scritta Phantom nel plexi) deve essere comandata da una sezione dell’ interruttore  “stand-by”. Spegnendosi di conseguenza quando l’amplificatore è in “riposo-attesa”…. Una bella chicca dal passato!

moltisuoni - steelphon phantom 0

moltisuoni - steelphon phantom 02

Per dare un effetto più soffuso conviene applicare nel retro della serigrafia  un paio di strisce di nastro “Scotch Magic” . Quest’ultimo contribuirà a diffondere la luce omogeneamente nelle scritte creando un effetto assai accattivante….

moltisuoni - steelphon phantom 06

A riguardo del fissaggio schede vs chassis : E’  bene abbiano un minimo di disaccoppiamento meccanico dal telaio …. In particolar modo quelle di segnale che possono risultare pure leggermente microfoniche per via dell’alto guadagno . A tal proposito gli ingegneri della Steelphon avevano previsto all’epoca delle funzionali boccole di gomma , ma puntualmente la mutua azione del tempo unito al calore le può far seccare , risultando sbriciolose appena si prova a toccarle . Se dovete quindi rimediare viene comodo un “segreto” donatomi dal buon Diego Nardi (http://www.webalice.it/jlc891/) tanti anni fà su come recuperare queste rondelle gommose ….. Per costruirsele bisognerà prendere dei fischer-tasselli da mattone con elemento espansore in gomma: Si recupera l’espansore e lo si mette su una punta da trapano … Successivamente con un buon cutter affilato, si “affettano” le rondelline dello spessore voluto….et voilà les jeux son faits!

moltisuoni - steelphon phantom 666

moltisuoni - steelphon phantom 555

Ricordo che le schede devono risultare fisse ma ,allo stesso tempo devono conservare una certa “mobilità”…Per far si dovrete stringere a mano i bulloncini e trovato empiricamente il giusto compromesso di serraggio, fissarli con una goccia di colla , in modo esse non abbiano a svitarsi con vibrazioni ,scrolloni etc etc

moltisuoni - steelphon phantom 444

Proteggere con del nastro di alluminio i condensatori dalle fonti di calore è un’altra attenzione necessaria . Le quattro finali scaldano assai … Una volta chiuso dentro il mobile di legno le situazioni vanno ad estremizzarsi …. Le valvole finali irradiano calore soprattutto sotto forma di infrarossi, una schermatura a specchio laddove un colore scuro avrebbe assorbito la radiazione termica aiuterà a preservare i “cari” elettrolitici nel tempo ( Val la pena di ricordare che quasi tutti i condensatori hanno un campo di utilizzo da -20 a +85 gradi….Esclusi quelli “military grade” )

moltisuoni - steelphon phantom 4

Non servirebbe dirlo perchè lo dò per scontato : Dotate il vostro rinato “Fantasma” di un buon cavo (3 x 1,5 mmq)  e di un’altrettanto buona presa di terra sullo chassis…E se domani , come cantava Mina , vi vien voglia di sostituire le finali del vostro Steelphon Phantom  , bisognera assolutamente che le nuove quattro valvole siano scelte col criterio ” four matched” , cioè tutte e quattro con valori di transconduttanza  similari . La corrente di riposo andrà regolata nella scheda di alimentazione , osservando il valore  consigliato dal progettista , e fissato in -25Volt (Corrispondente ad una corrente di circa 50mA a riposo) . Poi , sulla scheda finale , in una posizione più comoda, un’ulteriore trimmer servirà a bilanciare equamente la tensione sul push-pull nella misura di : ± 12,5 volt per ramo . Nel corso dei primi 6-8 mesi  tali valori andranno ri-verificati (ed eventualmente corretti) in quanto saranno suscettibili di variazione dovuto al “rodaggio” dei nuovi tubi . Badate bene a non eccedere con la corrente di riposo (Leggasi : smanettare in spremuta dell’ultimo Watt) … Essa è direttamente responsabile della longevità nelle EL84 … Le placche dei pentodi non devono divenire incandescenti come barbecue !!!!

moltisuoni - steelphon phantom 010

Buona prassi da “tecnici d.o.c.” è dotare lo chassis di etichette recanti la giusta disposizione di valvole e comandi ; Un pò per se stessi … ma soprattutto per chi un domani sarà chiamato alla futura manutenzione . Come è altrettanto saggio lasciare all’interno una copia dello schema elettrico.  Sul finire di questa descrizione pseudo-tecnica , una bella carrellata di foto durante i test di routine

moltisuoni - laboratorio elettronica

moltisuoni - steelphon phantom 011

moltisuoni - steelphon phantom 014

moltisuoni - steelphon phantom 018

moltisuoni - steelphon phantom 019

moltisuoni - steelphon phantom 020

moltisuoni - steelphon phantom 125

Mobile e varie….

Come era buona abitudine passata , il mobile è di legno ! Impellicciato poi esternamente in Tolex nero . Con tutta probabilità non avrete grossi interventi da farci se non quello di smacchiare o sostituire il rivestimento se fortemente usurato . Paraspigoli e maniglie andranno lucidati e disossidati .

moltisuoni - steelphon phantom 99

Merita attenzione la fresatura che ospita il plexi frontale, la quale dovrà risultare integra . La procedura di montaggio vede come prima operazione il fissaggio nella sede del plexiglass.

moltisuoni - steelphon phantom 89

moltisuoni - steelphon phantom 369

Successiva operazione riguarderà l’introduzione dello chassis nella parte posteriore del mobile

moltisuoni - steelphon phantom 256

moltisuoni - steelphon phantom 321

Quattro viti M5 alla base assicureranno il telaio saldamente al cabinet. Scegliete l’inox per questo ruolo , rimarranno belle nel tempo e sempre facili da svitare un domani vi sia necessità. In battuta finale verrà il momento di montare il carterino che protegge e ventila le valvole….. Vedi sotto….Trattenuto grazie a  4 viti parker.

moltisuoni - steelphon phantom 456

Manopole e pulsanti saranno ricollocati (Dopo opportuna pulizia) sui rispettivi alberini rispettando gli zeri dei potenziometri .

moltisuoni - steelphon phantom 7889

Sul piano estetico mancavano due su quattro pulsanti …. E quale occasione migliore per usare il tornio se non questa?  Ipse facto! Prontamente ricostruiti dal pieno partendo da un tondino di allumino ! Questo per cercare di avere un apparecchio esteticamente quanto più possibile conforme all’originale … L’alluminio tornito ha sempre il suo bel perchè!  🙂

moltisuoni - steelphon phantom 152

moltisuoni - steelphon phantom 225

moltisuoni - steelphon phantom 451

moltisuoni - steelphon phantom 4823

Ed eccoci giunti alla fine , col piacere di aver salvato dal cassonetto dell’immondizia un’altro storico esemplare ..Stavolta non vi dico come suona o come va…Ve lo lascio scoprire volentieri, vi posso solo garantire lo stupore che proverete nel metterlo sotto torchio !

 

Un caro saluto

 

Andrea Moltisuoni

 


 

NOTA BENE:

I TESTI e LE FOTO PRESENTI SUL SITO SONO PROPRIETA’ INTELLETTUALE RISERVATA … Ogni utilizzo a sproposito sarà perseguibile secondo legislatura vigente.

 


 

Disclaimer: Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge N°62 del 07/03/2001. Alcune immagini sono tratte da internet, ma se il loro uso violasse diritti d’autore, lo si comunichi all’autore del blog che provvederà alla loro pronta rimozione. L’autore dichiara di non essere responsabile dei commenti lasciati nei post. Eventuali commenti dei lettori, lesivi dell’immagine o dell’onorabilità di persone terze, il cui contenuto fosse ritenuto non idoneo alla pubblicazione verranno rimossi.