Hornyphon Souveran 61

Sulla breccia estiva un altro bel sintoamplificatore Fm  in veste di radio d’epoca . Devo essere sincero: Nutro una certa passione per questo confine….Dove la radio d’epoca si trasforma in apparecchiatura Hi-Fi mantenendo tuttavia canoni estetici tipici .

Questa sinto-radio veniva costruito da due ditte dell’Est Europa nei primi anni ’60 (Horny Radio e Verdik)  su licenza Philips , infatti tecnicamente risulta essere identica alla Philips Premiere 61  eccezion fatta per diverse caratterizzazioni di natura estetica nel mobile di legno e nelle griglie altoparlanti .

Sulla carta abbiamo un sintonizzatore supereterodina a 5 valvole con doppia scala sintonizzatrice contornato da un ottimo stadio finale sviluppato attorno a due EL84 in single ended altrettanto ben servite da una coppia di doppio-cono Philips serie ottagonale .

Completa il bel quadretto  poc’anzi descritto , lo stadio alimentatore misto induttivo / resistivo su cui a monte troneggia una bella EZ81…..e l’immancabile occhio magico per un totale di ben 9 valvole . Non da meno ,molte raffinate soluzioni meccaniche per attuare tutte le funzioni di cui è dotato questo ricevitore (cito i cavi bowden tra tutti) …. Valeva quindi  sicuramente la pena scriverci dietro qualcosa 🙂

 

Uno sguardo alle scelte progettuali elettro-meccaniche della Hornyphon Souveran 61

 

Il set-up ricevente è tipico dell’epoca ,troviamo infatti due front-end separati per FM e OM – OL -OC . Nel primo la soluzione di accordo sintonia è a nucleo magnetico permeabile , mentre per le restanti gamme d’onda si ricorre al più classico condensatore variabile . Adeguatamente demoltiplicati , e comandati a mezzo cordina + carrucole , entrambi fanno capo ad un unico comando meccanico dove spicca la prima chicca : Una presa di forza “mobile” azionata da un riinvio a cavo bowden posto sulla tastiera selettrice.

In pratica a seconda della gamma radio prescelta sulla tastiera, questo cavo azionava due distinte pulegge spostandosi assialmente su di esse  . Questo permetteva di avere quindi due indici sulla scala parlante e un unico comando.

La sezione Fm concentra nella ECC 85 le funzioni di oscillatore e mixer-amplificatore AF accordato  . L’uscita di tale stadio viene accomodata all’ingresso degli altri stadi successivi  per l’opportuna rivelazione ed amplificazione in tensione.

Le sezioni OM-OL-OC invece sfruttano il collaudato trio formato dalle arcinote   ECH 81 – EF183 – EABC 80 in unione a convenienti stadi L – C di accordo selezionati a tastiera : Anche qui la commutazione delle varie bobine sulla sezione AF avveniva mediante due commutatori multivia a slitta azionati da altrettanti cavi Bowden facenti capolino ai tasti di selezione….Tanto per non dire mai che alla Philips  non erano capaci a progettare 😀

L’antenna OM-OL-OC poteva essere selezionata tra Interna / Esterna  grazie a eleganti scelte meccaniche .

Coassialmente al comando di sintonia principale troviamo infatti un comando che potrei chiamare, di “sintonia fine”, anche se non è poi del tutto appropriato definirlo così . Era infatti tipico negli apparecchi di classe in quell’epoca , trovare antenne OM rotanti ( Questo escamotage permetteva la discriminazione in maniera selettiva dei disturbi radio rispetto al segnale trasmesso senza dover ruotare la radio sul suo asse come avveniva in passato )  .

Una camma presente alla base del “Ferroceptor” (Questo il suo nome corretto) azionava a sua volta un deviatore che escludeva la ferrite interna in favore del dipolo esterno …. In Olanda avevano a cuore le cose precise e complicate, scalzando agli svizzeri questo primato!

Il tuner veniva arricchito da un occhio magico EM84 per avere una interfaccia uomo-macchina circa l’intensità del segnale captato.

Faccio notare la presenza di una uscita preamplificata dedicata alla possibilità di collegare un registratore a nastro per incidere le trasmissioni ricevute .

 

Stadio finale

Un classicone della EL84 :  Single ended  connessa in ultralineare . Il tutto genera circa 2,5 watt continui per canale contando su due trasformatorini ben costruiti dalla Philips …Qui sotto in bella compagnia del nuovo elettrolitico di filtro da 50+100+100 uF 385V

La parte di preamplificazione è curiosamente insolita : Assegnata alla una sezione triodo di EABC 80 per il canale sinistro e ad una EBC 81 per il segnale destro (Che è poi la copia conforme del triodo incorporato nella EABC 80) .

I controlli di tonalità acustica sono asserviti in maniera mista :  Intervenendo sull’anello di controreazione dello stadio finale per quanto riguarda l’intervento dei toni gravi …

Il dosaggio dei toni acuti è invece appannaggio di modifiche sulla banda passante del segnale audio applicato all’ingresso , come si evince dai rettangoli verdi qua sotto! Immancabile la presenza di una presa fisiologica sulla corsa del volume , a mò di loudness , per rendere più corposo l’ascolto ai moderati volumi di ascolto (rettangoli rossi sullo schema elettrico) . Una nota ,infine, circa la possibilità di escludere l’intervento dei controlli di tono mediante l tasti “Mixer bass – hohen”…Precursore di 20 anni  del tasto “direct” di molti amplificatori

Il registro sonoro della radio poteva contare ,oltre ai filtri poc’anzi accennati, anche a 2+2 preselezioni a tastiera aventi funzione di esaltare (almeno le intenzioni erano quelle 😉 ) un determinato programma musicale

Coassialmente al controllo volume , troviamo per ultimo il comando del  “Balance” responsabile del bilanciamento canali .

Non poteva mancare anche qui il fiore all’occhiello non scevro da difficolta realizzative : Una rappresentazione visuale dello “zero” relativo al perfetto bilanciamento.

Mosso da due carrucole e altri due Bowden , l’alberino del potenziometro fa capo ad una ruota dentata su cui fa cremaliera un filtro ottico (Debitamente retroilluminato ) a due colori divisi diagonalmente da un sottile profilo bianco  .

Questo permetteva di farsi un’idea di quando gli amplificatori lavoravano equalmente, contribuendo al contempo ad arricchire la “palette” di curiosità che attorniano questo ricevitore poliedrico .

Gli altoparlanti (Philips AD3700) presenti nella Hornyphon Souveran 61 sono tutt’oggi appannaggio di molti appassionati legati all’autocostruzione di sistemi acustici per finali valvolari. Molto sensibili ( Col mio “”orecchiometro”” oltre 90dB di efficienza almeno) coprono egregiamente lo spettro audio con un brio sconosciuto a molti monovia moderni. Hanno magnete in Alnico e un diametro utile di cono intorno ai 150mm pertanto anche i toni gravi hanno  giustizia nella riproduzione del programma musicale. Il generoso mobile della radio contribuisce favorevolmente nel metterli a proprio agio !

Anomalie , noie e fastidi vari …..

Prima di procedere oltre, vi ricordo sempre di porre la massima attenzione : Noisamente ridico e riscrivo per la 101esima volta che gli apparecchi valvolari “viaggiano” con tensioni interne elevate, prossime  in questa circostanza ai 300 Volt in corrente continua dunque potenzialmente letali per animali e persone . Prendete sempre tutte le distanze necessarie affinché non vi siano pericoli per Voi e i Vostri cari !!!!

Difficilmente una radio usata ( Oppure mai ser-viziata) con più di mezzo secolo funzionerà bene al primo ascolto….Anzi guardatevene sempre bene prima di collegarla alla rete perché qualche elettrolitico “scontroso” vi potrebbe scoppiare inzozzandovi di isolante dielettrico mezza radio . Questa in mio possesso oltretutto pativa diversi lustri di letargo in qualche scantinato della bassa Olandese ed era arrivata a me mezza distrutta causa imballo ridicolo , provarla preliminarmente avrebbe avuto poco senso .

Senza soffermarmi troppo nel dire che tutte le capacità (sia elettrolitiche ,sia ceramiche/micacee) erano praticamente “morte” o di parecchio fuori valore nominale …..

Ho riscontrato l’insolita anomalia nella  interruzione delle piste di molti potenziometri come da foto (!)

E’ una situazione abbastanza rara, perché questi componenti solitamente patiscono solo il fermo-azione ….Ma generalmente anche i più ossidati con buona pazienza tornano a rivivere . Di interrotti son sincero è uno dei primi casi in molti anni . Sotto potete osservare la pista chiaramente assente su uno del trio “difettosi”

Sostituirli non è un grosso problema fintanto non fate i conti con quelli aventi alberino lungo . Non se ne trovano più in giro (Soprattutto oltre il valore tabù 500kΩ) e quei pochi vengono venduti a peso d’oro perché odiernamente vengono relegati al mondo dell’ elite valvolare …. Anche le mie riserve sono agli sgoccioli  🙁  dovrò sperare di rintracciarne alcuni in qualche fiera !

Qualche altro fastidio me l’hanno provocato gli zoccoli delle finali, che essendo “cotti” ,di bachelite (e decisamente economici made in Philips) tendevano a generare scariche tra i reofori durante i transitori . Sostituiti immediatamente con due ceramici , i problemi si sono tacitati prontamente ….

Uno dei due riinvi /demoltiplica a cordina era usurato , si è pertanto reso necessario il cambio con una odierna cavettatura in Nylon da 1mm . Allego lo schema del giro corretto cordina per praticità di chi si troverà ad affrontare una delle “12 fatiche di Asterix” … Qui la pazienza umana trova il suo benchmark ideale …

Le valvole presenti facevano ancora la loro onesta parte , eccezion fatta per la EZ81 e la EABC 80 , infatti , il giudizio del mio severissimo provavalvole -Mercurio- decretava come “stanco” il loro operato 🙂 . L’occhio magico era superfluo menzionarlo….Essendo “cinquantino” la sua luminosità era al tramonto….

In totale quindi solo 3 tubi sostituiti e qualche lampadina …. Tutti contenti , nessun salasso al bilancio familiare !

Rivisto in parte il caotico cablaggio interno, ho preferito upgradare con RG174 tutti i transiti di segnale debole visto la fattura discutibile dei cavetti coassiali utilizzati all’epoca….Nell’ottica del riordino prevedete il passaggio qualitativo relativo al cavo di rete . Un buon 3 x 0.75 garantirà sicurezza e ascolti maggiormente selettivi ( La presa di terra aumenta sempre il coefficiente di segnale ricevuto in antenna , quindi ha più di una ragione il fare questa modifica 😉 ) . Utilizzando oltretutto uno dei recenti cavi “tessili”  coadiuvato da una opportuna presa sarà il ” tocco d’antan ” alla vostra radio , sinonimo di un restauro meticoloso e bello a vedersi. Lo so … lo so : Non è originale ma sempre meglio delle odierne cablature 3×0,75 …..

Le parti in ottone e le manopole ( Nel mio esemplare non originali benché carine esteticamente … Credo siano di provenienza Grundig )  dovranno essere ripulite dagli anni di sudiciume .

Merita la solita attenzione dedicata alla scala parlante…. Spolveratela solamente se potete , e fate attenzione anche all’acqua : Molte serigrafie se invecchiate o secche possono esser cancellate in un sol colpo!

Evito a piè pari il restauro del mobile essendo un argomento “borderline” e abbastanza complesso se eseguito con tutti i crismi . L’unico consiglio in questa direzione è quella di preferire una Souveran in buono stato estetico spendendoci magari qualche soldo in più anche se da revisionare completamente…..Discorso differente se avete parenti o amici “impelagati” nella sfera della falegnameria  !

 

Considerazioni finali :

 

Chi è appassionato di radio d’epoca non avrà bisogno di sentirsi tessere lodi sulle potenzialità della Hornyphon Souveran 61 perché molto probabilmente ne sarà ben conscio senza le mie proselie .

Queste poche righe sono rivolte a chi non ne ha mai posseduto uno e si vuole levare lo sfizio perché fortemente incuriosito da quanto si vede o si legge nella rete . Sono scoperte piacevoli…Per un tot di fattori appagati ; Dalla riproduzione acustica di qualità , per passare al fattore “arredo” e concludendo per l’alta qualità manufatturiera nonché unica ,cose che non torneranno più ahimè . E vero non si possono definire del tutto Hi-Fi (almeno questa in particolare) ,ma il suono riprodotto è davvero gradevole e mai affaticante. Difficile poter fare paragoni con oggetti odierni, sembra comunque che quasi 60 anni abbiano marcato poco il confine di queste apparecchiature che nascevano di fatto in un periodo d’albore per quello che sarebbe poi stata la riproduzione audio di qualità

Questo genere di radio hanno oltretutto la possibilità di collegarci (all’ingresso fonografo) apparecchi di moderna estrazione quali Pc , lettori Mp3 e cellulari per sfruttare le proprie playlist musicali , riprodotte in un ruggente suono stereofonico al solo impegno di costruirgli un cavetto di connessione ad hoc .

In particolare la Hornyphon è succulenta per l’insolita presenza di comandi e caratteristiche che la scorporano dalle molte in circolazione . Non per ultimo sottolineo la possibilità  (visto lo stadio finale stereo) di arricchirla  , un domani , di un decoder Fm Stereo…..Il mio esemplare ne è al momento sprovvisto ma sto accarezzando l’idea…..Ultima foto dedicata alla “spazzatura” come mio consueto rituale dopo un restauro 🙂

Si conclude anche questa volta , pronti al prossimo progettino! Rimango come sempre disponibile per delucidazioni in merito usando l’apposito tasto “vuoi contattarmi” posto sulla sinistra del desktop.

 

Un caro saluto “estivo” !

Andrea Moltisuoni

 


 

NOTA BENE:

I TESTI e LE FOTO PRESENTI SUL SITO SONO PROPRIETA’ INTELLETTUALE RISERVATA … Ogni utilizzo a sproposito sarà perseguibile secondo legislatura vigente.

 


Link per saperne di più sull’argomento:

 

http://www.radiomuseum.org/r/hornyphon_souveraen_w671a_w_671_a.html

 

http://www.hifi-forum.de/viewthread-84-24716.html

 

http://www.radiomuseum.org/r/philips_premiere_61_b6a04a.html

 

http://ev.stiftswiese.at/web/1102_Philips/Philips_Premiere61.htm

 


Disclaimer: Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge N°62 del 07/03/2001. Alcune immagini sono tratte da internet, ma se il loro uso violasse diritti d’autore, lo si comunichi all’autore del blog che provvederà alla loro pronta rimozione. L’autore dichiara di non essere responsabile dei commenti lasciati nei post. Eventuali commenti dei lettori, lesivi dell’immagine o dell’onorabilità di persone terze, il cui contenuto fosse ritenuto non idoneo alla pubblicazione verranno rimossi.